Logo ISGI - Istituto di Studi Giuridici Internazionali
Logo ISGI - Istituto di Studi Giuridici Internazionali

Direttore Giuseppe Palmisano

L’Istituto di Studi Giuridici Internazionali (ISGI), organo scientifico del CNR, svolge attività di ricerca, formazione e alta consulenza nel campo del diritto internazionale ed europeo, con particolare attenzione al settore dei diritti umani, alla protezione dell’ambiente, al diritto del mare, al diritto dello spazio, e alla disciplina delle questioni bioetiche.

Principale oggetto di studio dell’ISGI è il fenomeno giuridico internazionale, inteso non solo come l’insieme delle regole e delle istituzioni che disciplinano la vita e le relazioni della comunità degli Stati, ma anche come livello normativo distinto e superiore rispetto a quello statale, capace di condizionare l’ordinamento italiano e, quindi, l’attività delle istituzioni nazionali e la vita della collettività presente in Italia.

L’ambito di interesse scientifico dell’ISGI comprende la dimensione dell’integrazione europea (il diritto dell’Unione europea e la sua incidenza sul piano interno italiano), e l’evoluzione dei sistemi giuridici extraeuropei (specialmente latinoamericani).

Le finalità perseguite dall’ISGI sono ambiziose e articolate: accrescere la conoscenza del diritto e delle organizzazioni internazionali ed europee, contribuendo al loro sviluppo normativo e istituzionale; far avanzare la consapevolezza dell’importanza della dimensione giuridica internazionale per affrontare i problemi della società contemporanea e del mondo “globalizzato”; contribuire alla formazione di quanti operano nelle istituzioni pubbliche, nelle organizzazioni sociali, nell’imprenditoria e nel mondo del diritto.

Nello svolgimento delle proprie attività di ricerca, formazione e consulenza, l’ISGI ha sviluppato proficui rapporti di collaborazione con molti centri di ricerca e con istituzioni pubbliche nazionali e internazionali. Tra queste: Ministero degli Affari Esteri, Ministero dell’Ambiente, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, OSCE, ESA, World Bank, UNIDROIT e UNESCO.

In primo piano

Leggi tutte le news