IBA Training in Imprese e Diritti Umani 3 dicembre 2021, ore 10:15 – Tavola Rotonda Conclusiva

 

Evento on line >> iscrizione

La pandemia di Covid-19 ha sottolineato la necessità di adattare l’attuale modello economico ad una maggiore sostenibilità ambientale e sociale. Il piano del Next Generation EU mira a rispondere a questa esigenza in modo congiunturale e strutturale, come dimostrato da recenti riforme in materia di finanza e corporate governance sostenibili. Il 18 giugno 2020 il Parlamento Europeo ha adottato il Regolamento (UE) n. 2020/852 sulla creazione di un framework europeo comune per la promozione degli investimenti sostenibili. Nel marzo 2021 il Parlamento Europeo ha approvato con 504 voti favorevoli, 79 contrari e 112 astensioni, la risoluzione di iniziativa legislativa con cui si chiede alla Commissione di adottare una legge in materia di dovuta diligenza e responsabilità delle imprese per i diritti umani e ambientali e una proposta della Commissione Europea è attesa entro la fine del 2021.

La professione legale è chiamata a rispondere alle nuove esigenze dettate da questo quadro normativo in costante evoluzione e a svolgere un ruolo attivo nella promozione di un’economia più equa e sostenibile. A fronte di questa necessità, l’International Bar Association (IBA) ha avviato un programma internazionale di formazione per avvocati sui Principi Guida ONU su Imprese e Diritti Umani (Principi Guida ONU). Approvati all’unanimità dal Consiglio dei Diritti Umani in data 16 Giugno 2011, i Principi Guida ONU prevedono la responsabilità delle imprese di identificare, prevenire e mitigare ‘gli impatti negativi sui diritti umani direttamente collegati alle loro operazioni, ai loro prodotti o ai loro servizi in virtù di una relazione commerciale, anche se esse non abbiano contribuitoa tali impatti’.

Questo incontro si colloca a conclusione di due giornate di formazione per il mercato legale italiano e mira ad approfondire le implicazioni delle suddette riforme per questo Paese. Nella prima tavola rotonda, verranno analizzati gli aspetti legati alla finanza sostenibile e alla gestione dei fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), anche alla luce della tassonimia sociale, la cui adozione è attesa entro la fine del 2021. La seconda tavola rotonda, si soffermerà sugli aspetti legati alle misure di accesso al rimedio per le vittime di violazioni di diritti umani e ambientali, anche alla luce della recente riforma sulla class action.