Responsabile: Cinzia Caporale

Presso l’ISGI è attiva ‘’unità di bioetica, etica della ricerca e diritto, composta da: Cinzia Caporale, Elena Mancini, Ilja Richard Pavone, Elisabetta Sirgiovanni, Alessandro Frandi.

AREE di RICERCA e Attività  ad esse Correlate

Area di ricerca:  Etica della ricerca (research integrity):

descrizione: area dedicata ad analizzare gli aspetti etici connessi al metodo proprio della ricerca, alla professione del ricercatore, alla sua credibilità, affidabilità e integrità, a quelle delle istituzioni scientifiche e alla governance delle situazioni di misconduct, compresi i bias di genere (questioni principali: sponsorsphip, authorship, appropriate representation of data, plagiarism, falsification, fabrication of data, conflicts of interest, professionalism)  

Principali attività previste:

-Supporto alle attività della Commissione relativamente alle questioni connesse all’etica della ricerca;

-Indagini conoscitive e redazione di documenti, linee guida per i ricercatori, attività di formazione per i ricercatori, analisi e/o produzione di proposte di strumenti di regolamentazione/normative;

-Rilascio di pareri etici sui singoli casi di malpractice o di lesione dei diritti individuali.

-Raccordo con la community internazionale e partecipazione alle iniziative previste; all’interno del programma di attività per lo sviluppo di uno spazio europeo della ricerca (European Research Area).

-Creazione di un sito web dedicato         

Area di ricerca: bioetica e biodiritto: area dedicata alle implicazioni etiche e biogiuridiche della ricerca in particolare relativamente alla tutela della salute dell’uomo, alla protezione dei diritti umani, animali e della biosfera e alla valutazione/gestione del rischio. Settori principali: sperimentazione su uomo e animali; tecnologie innovative applicate al corpo umano e biometrie, nanotecnologie; robotica.

Principali attività previste:

-studio della problematiche relative alla regolazione della sperimentazione sugli animali anche in funzione della direttiva europea in approvazione

-redazione di linee guida funzionali alle attività di ricerca dell’Ente

-analisi delle questioni bioetiche relative alle biometrie e realizzazione di un seminario

-analisi del biodiritto italiano in funzione  della partecipazione al database UNESCO;

-redazione di uno specifico rapporto annuale;

-collaborazione con il Centro Bio&Law       

Area di ricerca: rapporto tra scienza e società: area dedicata a esaminare il ruolo e l’immagine sociale della scienza, la comunicazione e comprensione pubblica dei risultati scientifici e l’influenza dei valori sociali nella descrizione degli obiettivi della ricerca, con particolare attenzione ai temi della libertà della scienza, del ruolo dei comitati etici e della costruzione delle norme, della proprietà dei dati scientifici e dell’equità nell’accesso ai benefici prodotti dalla ricerca.

Principali attività previste:

-museo virtuale della bioetica, conferenze aperte al pubblico,

-realizzazione di materiale divulgativo soprattutto per i giovani,

-iniziative di carattere mass-mediatico,

-pubblicazioni dedicate alla scienza e all’etica per gli studenti di diverse fasce di età, -realizzazione di indagini sulla percezione pubblica della scienza in Italia,

-creazione di un’area internet all’interno del sito web dedicata all’informazione sulla scienza,

-l’etica e il bio-diritto per il pubblico.

-analisi della situazione interna al CNR rispetto al rapporto con i Comitati etici esterni

-collaborazione con la Fondazione Luigi Einaudi        

Collaborazioni

a)    Commissione di studio per l’Etica della ricerca e la Bioetica: la Commissione ha come propria finalità la valutazione delle implicazioni etiche della ricerca scientifica e tecnologica anche al fine di esercitare un ruolo di supporto e consulenza alle istituzioni pubbliche nell’adempimento di obblighi internazionali e dell’Unione Europea. La collaborazione verterà soprattutto sul supporto nel reperimento/elaborazione di documentazione o pareri, nel coordinamento di iniziative congiunte, nell’analisi dei problemi etici emersi dalle attività di ricerca interne al CNR 

b)      

c)    Fondazione Luigi Einaudi: la Fondazione svolge da anni attività di ricerca in ambito alle tematiche relative alla storia istituzionale, alla politica e all’economia italiana ed europea. In particolare è stato approfondito il tema della comprensione pubblica delle scienze della vita, delle biotecnologie (Osservatorio sulla bioetica). Le iniziative di collaborazione saranno dirette soprattutto alla diffusione della cultura scientifica e alla valutazione della comprensione pubblica della scienza e delle sue implicazioni etiche       

 

d)    Bio&Law: il centro interdisciplinare di ricerca avanzata in biomedicina e biodiritto costituito da studiosi, professori universitari delle facoltà di Medicina, Giurisprudenza dell’Università di Catania. Offre un approccio innovativo caratterizzato dall’integrazione tra ricerca applicata di laboratorio e biodiritto. Il centro si caratterizza per l’approccio interdisciplinare che coniuga scienze umane e scienze esatte. Da sottolineare la creazione di un laboratorio normativo permanente che, attraverso iniziative mirate, offra al Legislatore spunti traducibili in proposte normative concrete. Attività congiunte di ricerca verteranno soprattutto sulle seguenti tematiche:

  • Biobanche translazionali
  • Human Enhancement
  • Brain Computer inteface (BCI) nell’espressione individuale
  • Biorobotica e materiali innovativi
  • Protezione degli animali utilizzati a fini sperimentali

Rapporti internazionali:

-Supporto al “Legal experts Group for UNESCO GEOBs-law database, la commissione UNESCO responsabile della creazione, implementazione e gestione del database mondiale di biodiritto

-partecipazione alle attività EUROHORCs nell’ambito dello sviluppo di una area di ricerca europea di ricerca (ERA);

-adesione della Commissione di Etica della ricerca e la Bioetica del Presidente al forum dei  Comitati Etici Nazionali (NEC-Forum)